Criptovalute HODL si ma dove

Per gestire le Criptovalute avere un Wallet è obbligatorio ma ce ne sono vari tipi a seconda di che utilizzo ne verrà fatto. L’Online Wallet è il più comodo, è gratuito e facile da aprire e manutenere anche senza competenze tecniche avanzate: basta collegarsi a Binance.com o Coinbase.com e aprire un account. Dopo alcune verifiche di identità sarà possibile comprare, vendere, spostare le proprie Criptovalute e anche richiedere la VISA Binance.com sulla quale sarà possibile trasferire gli €uro precedentemente convertiti al tasso di conversione BTC/EUR di quel momento.

La mia Binance VISA

Eppure c’e’ un però: l’internet è pieno di siti e gruppi di hacker versati continuamente a procacciarsi chiavi private con varie tecniche di Phishing e social engineering. Si può optare di avere un wallet installato su Windows 10, questo avrà frequenti updates di sicurezza, ma non è facilmente trasferibile, bisogna curarsi di farne un backup esterno al computer e a parte la facilità di installazione non sembra una soluzione definitiva. Avendo invece la Wallet App sullo smartphone si gode della massima facilità nelle operazioni di trasferimento o pagamento ma c’e’ sempre la possibilità di perdere o danneggiare lo smartphone nonchè è possibile disinstallare la app per errore.

Un Wallet Bitcoin Core su Windows 10

IL Wallet Offline classico sotto forma Hardware di chiavetta USB è l’opzione di offline storage più sicura che c’e’, ha anche delle apps residenti ma anche in questo caso non si è esenti dal fare un backup su di una seconda chiavetta (che poi raddoppia anche i costi).

Un Wallet Ledger Nano con display

Rinunciando quindi alla comodità si può optare per un Wallet Offline Classico di Carta, scrivendo a mano tutti gli hash corrispondenti ai propri possedimenti o se siete advanced potreste stampare dei QR codes ma anche qui la delicatezza e la deperibilità della carta potrebbe porre seri problemi, alla fine è della pensione di moltissime persone che stiamo parlando..

Myetherwallet permette di stampare su carta i backup delle proprie chiavi ETH

Patrick De Angelis

Tuttologo informatico dal 1995

Lascia un commento