5 Giugno 2024

BLOG ARTICOLI

Le app non ufficiali ChatGPT 4

OpenAI che con la piattaforma ChatGPT 3.5 è diventata famosa, concedeva l’accesso a ChatGPT 4, molto più potente a pagamento di circa 24€ al mese. Però moltissimi programmatori vendevano app android e IOS che “subappaltando” l’account davano risposte ChatGPT4o. Non essendoci altra scelta, il prodotto di punta è stato reso gratuito.

Già da dopo Natale 2024 noto che il Flipper Zero è tornato disponibile. Cioè era disponibile in piccole quantità già prima ma a 300€ e oltre mentre adesso lo si trova al prezzo “giusto” di 200€.

Da tanti anni in Adobe Photoshop c’e’ integrata una funzione che riconosce e impedisce di aprire e/o modificare eventuali scan di banconote. Ultimamente però è decaduta questa funzione, oppure no ? Provate!

Microsoft ha presentato la nuova versione dei PoweToys. La raccolta di tools esistente dai tempi di Windows Xp è adesso open-source, è scaricabile all’indirizzo https://github.com/microsoft/PowerToys/releases/ e controlla molte funzioni nascoste di Windows 10 e 11. Usarec on cautela, consiglio di non fare troppe impostazioni prima di riavviare Windows e controllare l’esito delle impostazioni.

Certo che da un parcheggio nelle Dolomiti in zona sciistica che incassa a nastro continuo ci si aspetterebbe che almeno Windows 7, anche se scaduto e permeabile ad attacchi hacker, almeno sia attivato.

Venerdì pomeriggio assistenza a casa di una signora a cui non funziona Internet. Noto subito che le hanno sostituito il router montando anche un convertitore modale da Fibra a RJ-45. Presto risolto reinserisco la password nel computer della signora e internet funziona. Test risulta ottimo… 425Mbit/s in download e 310Mbit/s in upload….. velocissimo per un contratto di base da meno di 30€ al mese.

Da Micron è subito disponibile il nuovo SSD 9400 PRO da 32GB con attacco SAS, che lo rende compatibile esclusivamente con server degli ultimi anni. Secondo Micron è possibile sovrascrivere 3 volte la capacità completa ogni giorno, merito delle memorie TLC.

AMD ha presentato i nuovi Ryzen da Notebook serie 8040U “Hawk Point”, tuttavia il nome inganna parzialmente perchè praticamente sono similissimi ai 7040 presentati nel 2023 però potenziati con nuove unità IA chiamate NPU. Comunque le nuove CPU 8040U consumano/prestano fino a 20/30Watt a seconda della variante mentre i modelli HS di cui il TOP è il 8945HS prestano fino a 45W.

Sono rare le novità soprattutto nel campo dei sistemi di raffreddamento per computer. Oltre ad aria e a liquido finore non esisteva altro. https://www.froresystems.com/ ha sviluppato un sistema che sposta l’aria e quindi il calore attraverso la vibrazione di 2 lamelle flessibili.

IL sistema di raffreddamento rivoluzionario è già presente in un Mini PC a basse prestazioni di Zotac e anche in un SSD della casa israeliana. Lo scema di funzionamento è visibile dalla jpg qui sotto. La corrente fa pulsare 2 membrane che spostano l’aria calda verso l’esterno.

Tipica server room di macchine per elaborazioni di intelligenza artificiale; quel che conta è avere tantissimi core, Nvidia domina il mercato e gli altri (Intel, AMD e pochi altri) arrancano.

Una server room di NPU / GPU

Tipica server room di macchine per elaborazioni comuni… la differenza si vede a prima vista, non trovi ?

Una server room classica

IL Motorola Defy Satellite Link si colllega via Bluetooth o WiFi a qualsiasi smartphone dandogli la connettività satellitare per spedire messaggi e collegarsi a internet ovunque ci si trovi, neanche le nuvole fermano il segnale satellitare. Costa meno di 200€.

Anni fa erano usati solo dalle forze dell’ordine durante le irruzzioni, entravano e collegavano a tutti i computer un cosiddetto Mouse Jiggler (muovi mouse) per impedire a questi di andare in stand-by ed essere perquisiti con calma. Oggi li usano anche i remote worker per ingannare i software online che registrano il mouse che sta troppo tempo fermo come inattività da parte del lavoratore. IL modello sopra è analogico e muove il dischetto nero e quindi anche il mouse appoggiato sopra, mentre sotto c’e’ la versione digitale che appunto emula un mouse che si muove di un pixel al secondo. dai 15€ ai 30€

Stranamente gli ultimi update del BIOS/UEFI dei ThinkPad permette di modificare il boot logo Lenovo usando anche semplicemente Microsoft Paint

Il nuovo Microsoft Surface Laptop Studio 2 è (semi)rivoluzionario perchè integra a fianco della CPU Intel Core i7 di 13a generazione e una Nvidia RTX della serie 40 anche un’unità di intelligenza artificiale Movidius 3700VC chiamata VPU (Vision Processing Unit) che al momento gestisce perfettamente solo il mettere lo sfondo che si vuole durante le chiamate con Teams. Inoltre ha un touchscreen in formato 4:3 gestibile anche con la Pen attiva compresa . Nella versione con i7 13700H – 64GB di DDR5 e VGA RTX4060 costa 3400€


3 utilizzi in 1: Notebook – Display angolato e Display creativo con penna

La tabella sotto l’ho presa dalla rivista c’t’ tedesca e mostra di quante interazioni pubblicitarie si “macchiano” i vari marchi di Smart-TV. Samsung e LG sono di gran lunga i TV che mandano più dati alla casa madre o chi per essa raccoglie i dati di utilizzo. In pochissimi casi quasti invii sono disattivabili completamente.

Già due clienti mi hanno chiesto quando scadrà Windows Update per Windows 10 e 11 quindi ho creato questa tabella in Excel per fare chiarezza e gli ho spedito il link su WhatsApp (https://web.whatsapp.com/)… traffico extra per il sito.

Chiunque abbia provato a saldare schede elettroniche ma anche cose più semplici si è trovato di fronte al problema di tener ferme le parti durante lavoro di alta precisione. La versione da 2 braccetti per me sarà sufficiente mentre quella a 4 nella foto sarebbe perlopiù inutile e ingombrante.

Ci teniamo ad essere trasparenti in merito ai dati che noi e i nostri partner raccogliamo e sul loro utilizzo, in modo che tu possa avere un controllo ottimale sui tuoi dati personali. Per ulteriori informazioni, visita la nostra Informativa sulla privacy. Abbiamo aggiornato lo strumento per il consenso ai cookie per offrirti visibilità e controllo maggiori sull’archiviazione delle tue preferenze nel sito. Di recente, alcuni cookie di terze parti sono stati temporaneamente classificati come essenziali, il che significa che sono presenti alcuni cookie non effettivamente necessari per il funzionamento del sito. Stiamo lavorando per risolvere il problema, ma puoi comunque bloccare i cookie essenziali tramite gli strumenti del browser.